Antisemitismo, Antisionismo e Debunking

I Labour riammettono nel partito un negazionista della Shoah

Un negazionista della Shoah risulta tra gli esponenti riammessi dal Partito Laburista del Regno Unito in seguito ad una precedente espulsione.
E’ accaduto dopo che la corrente di estrema sinistra “Momentum”, la stessa di Corbyn, è riuscita recentemente ad ottenere un maggiore controllo e posizioni di potere all’interno dei Labour.
A tanti altri attivisti è stato concesso di ricongiungersi al partito nonostante appartenessero ancora a organizzazioni in teoria “vietate” dai laburisti, tra cui un gruppo trotzkista come Alliance for Workers Liberty. Alcuni tra questi invece si erano schierati contro il Labour candidandosi per partiti di sinistra estrema alle elezioni locali del 2016.
Tra le figure riammesse nel partito c’è Mike Sivier, che era stato espulso dal Labour solo l’anno scorso per i suoi commenti sugli ebrei e sul sionismo. Sul suo blog personale Sivier, 48 anni, aveva scritto che “potrebbe essere del tutto giustificato affermare che Tony Blair sia stato indebitamente influenzato da una cricca di consiglieri ebrei”.

Ha anche detto che non avrebbe “fatto finta di considerare un grosso problema” se gli ebrei fossero stati omessi dall’elenco di sopravvissuti alla Shoah e ha affermato di non avere “intenzione di commentare” se gli ebrei morti nei campi di sterminio siano stati migliaia o milioni perché “io non so quanti siano stati”.
Sivier ha anche scritto un libro che difende le affermazioni dell’ex sindaco di Londra Ken Livingstone (anch’egli laburista) sulle complicità tra Hitler e il sionismo, “The Livingstone Presumption”, ma è stato ugualmente riammesso all’interno del Labour in base al fatto che frequenta un seminario sull’antisemitismo. Non sembra però ancora essersi pentito o aver modificato le sue idee sugli ebrei.
Sivier è soltanto uno degli esponenti riammessi nel partito laburista britannico, probabilmente quello con le posizioni più controverse e imbarazzanti. Tra gli altri, anche esponenti di spicco del gruppo trotskista “Militant” come un consigliere comunale di Liverpool, Alan Fogg di 76 anni, che nel 1987 era stato interdetto dai pubblici uffici per 5 anni. In comune, tutti gli esponenti estremisti tornati all’ovile hanno una dichiarata ammirazione per Jeremy Corbyn, l’attuale leader.

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna Su