Islam e Islamismo

Papa Francesco conduce il proprio gregge al massacro?

I due principali rappresentanti del cristianesimo e dell’Islam, Papa Francesco e lo sceicco Ahmed al-Tayeb – il Grande Imam di Al Azhar, un tempo chiamato “il più influente musulmano del mondo” – hanno appena firmato “Un documento sulla fraternità umana per la pace nel mondo e la covivenza.

Il documento “respinge con vigore”, per citare Vatican News, “ogni giustificazione della violenza intrapresa in nome di Dio” e afferma “il rispetto per i credenti di diverse fedi, la condanna di ogni discriminazione, la necessità di proteggere tutti i luoghi di culto, e il diritto alla libertà religiosa, così come il riconoscimento dei diritti delle donne “.

Il documento viene descritto come un “impegno storico perla  fraternità” e applaudito come una “svolta storica”. Il problema è che uno dei due uomini che l’ha firmato, il dottor al-Tayeb, ha ripetutamente contraddetto – parlando in arabo e apparendo sui media arabi – tutti i nobili sentimenti che esso mette in risalto.

Il documento, per esempio, afferma che:

“La libertà è un diritto di ogni persona: ogni individuo gode della libertà di credo, pensiero, espressione e azione … il fatto che le persone siano costrette ad aderire a una certa religione o cultura deve essere respinto, come anche l’imposizione di un stile di vita che gli altri non accettano”.

Al-Tayeb, tuttavia, ha dichiarato che gli apostati – cioè chiunque sia nato da un padre musulmano che vuole lasciare l’Islam – dovrebbero essere puniti. Per quanto riguarda la pena che meritano, nel luglio 2016, durante uno dei suoi programmi televisivi, al-Tayeb ha riaffermato che “Coloro che sono edotti nella legge islamica [al-fuqaha] e gli imam delle quattro scuole di giurisprudenza considerano l’apostasia un crimine e concordano che l’apostata deve o rinunciare alla sua apostasia o essere ucciso “. Per sottolineare il punto, citò un hadith, o tradizione, del profeta dell’Islam, Maometto, dicendo: “Chiunque cambi la sua religione islamica, uccidilo”. (Sahih Al-Bukhari vol. 9 n.57).

Se queste sono le opinioni di al-Tayeb sulla libertà di religione, quali sono le sue opinioni riguardo “gli altri” – le persone che non sono nate musulmane? Il documento che ha firmato insieme a Papa Francesco chiede “rispetto per i credenti di diverse fedi, la condanna di ogni discriminazione, la necessità di proteggere tutti i luoghi di culto e il diritto alla libertà religiosa”.

Eppure, molti liberali e riformatori musulmani in Egitto insistono sul fatto che la “persecuzione senza precedenti” vissuta dalla minoranza copta cristiana dell’Egitto è direttamente riconducibile all’istituzione che al-Tayeb dirige: Al Azhar, la più autorevole università sunnita del mondo al Cairo.

Dopo che due chiese, ad esempio, vennero bombardate durante la Domenica delle Palme del 2017, provocando la morte di 50 fedeli cristiani, il dottor Islam al-Behery, un popolare riformatore musulmano,venne intervistato in un programma televisivo egiziano, Kul Youm di Amr Adib (“Every Day”) . Dopo aver offerto vari dettagli sul curriculum radicalizzato di Al Azhar, al-Behery stimò che “il 70-80 per cento di tutto il terrorismo degli ultimi cinque anni [in Egitto] è un prodotto di Al Azhar”. Per rafforzare la sua argomentazione, al-Behery citò un testo standard di Al Azhar che diceva: “Chi uccide un infedele, il suo sangue è salvaguardato, perché il sangue di un infedele e di un credente [musulmano] non è uguale”.

Secondo al-Behery, lo sceicco Muhammad Sayyid Tantawi (morto nel 2010), ex Grand imam dell’Egitto e predecessore di al-Tayeb, aveva “senza che nemmeno gli venisse chiesto, rimosse tutti i vecchi libri e messo al loro posto soloun  libro introduttivo, [ma] quando subentrò al-Tayeb, si liberò di quel libro e ripristinò tutti i vecchi libri, che sono pieni di massacri e spargimenti di sangue “.

Allo stesso modo, il commentatore politico egiziano Dr. Khalid al-Montaser una volta si meravigliò che:

“In questo momento delicato – quando terroristi assassini si basano su testi [islamici] e insegnamenti relativi ai takfir [l’accusa di apostasia nei confronti dei musulmani], all’assassinio, ai massacri e alla decapitazione – la rivista Al Azhar offre gratuitamente un libro, la seconda metà del quale, a ogni pagina – anzi ogni poche righe – termina con “chi non crede, gli venga tagliata la testa?”.

Il documento apparentemente storico cofirmato da al-Tayeb e papa Francesco, d’altra parte, afferma che “dichiariamo risolutamente che le religioni non devono mai incitare alla guerra, ad atteggiamenti odiosi, ostilità ed estremismo, né devono incitare alla violenza o allo spargimento di sangue”.

Altri commentatori politici in Egitto hanno notato come, nonostante l’aspro atteggiamento di Al Azhar nei confronti degli “infedeli” e degli “apostati”, quando venne chiesto di denunciare lo Stato islamico come “non islamico”, al-Tayeb rifiutò di farlo. Il presentatore di talk show egiziano Ibrahim Eissa commentò:

“È incredibile, Al Azhar insiste che l’ISIS è islamico e si rifiuta di denunciarlo, ma Al Azhar non cessa mai di fare dichiarazioni che accusano romanzieri, scrittori, pensatori – chiunque dice qualcosa che contraddica le loro opinioni – di cadere in uno stato di infedeltà, ma non quando si tratta dell’ISIS, tuttavia”.

Durante un’altra intervista televisiva, il dottor Muhammad Abdullah Nasr, studioso di diritto islamico e laureato ad Al Azhar, fece un passo in più:

“[Al Azhar] non può [condannare l’ISIS come non islamico]. Lo stato islamico è un sottoprodotto dei programmi di Al Azhar. Quindi, Al Azhar potrebbe mai denunciare se stessa come non islamica? Al Azhar dichiara che ci dovrebbe essere un califfato e che è un obbligo per il mondo musulmano [stabilirlo]. Al Azhar insegna la legge dell’apostasia e l’uccisione dell’apostata. Al Azhar è ostile nei confronti delle minoranze religiose e insegna che le chiese non devono essere costruite, ecc. Al Azhar sostiene l’istituzione della jizya [“la protezione tramite il denaro” richiesta ai soggetti non musulmani]. Al Azhar insegna la lapidazione. Quindi Al Azhar potrebbe denunciare mai se stessa come non islamica?”.

La risposta di al-Tayeb a tutti questi critici è stata quella di accusare … Israele. Durante una intervista del marzo 2018 alla televisione egiziana, dichiarò:

“Ho notato che ci dicono sempre che il terrorismo è islamico: tutti quei portavoce che affermano – per ignoranza o perché gli è stato detto – che i curricula di Al-Azhar sono la causa del terrorismo non parlano mai di Israele, delle prigioni di Israele , dei genocidi perpetrati dallo stato dell’entità sionista … Se non fosse per l’abuso della regione per mezzo dell’entità sionista, non ci sarebbe mai stato alcun problema”.

Questo è apparentemente il vero volto dello sceicco Ahmed al-Tayeb – almeno come è noto nella sua patria egiziana, dove si esprime in arabo chiaramente e liberamente – al contrario di quando “dialoga” con i leader occidentali che sono fin troppo desiderosi di credere a quello che vorrebbero sentire. Come ha evidenziato l’Istituto del Cairo per i diritti umani in una dichiarazione:

“Nel marzo 2016, davanti al parlamento tedesco, al-Tayeb ha chiarito inequivocabilmente che la libertà religiosa è garantita dal Corano, mentre al Cairo fa affermazioni esattamente opposte … La lotta al terrorismo e alle ideologie religiose radicali non sarà ottenuta nell’indirizzare all’Occidente e alle sue istituzioni internazionali esortazioni a dialoghi religiosi aperti, a sostenere la pace internazionale e rispettare le libertà ei diritti, promuovendo internamente idee che contribuiscono alla diffusione dell’estremismo violento attraverso i media e i curricula educativi di Al Azhar e delle moschee “.

È difficile, quindi, vedere questo documento come qualcosa di diverso da uno spettacolo superficiale, presumibilmente per l’Occidente, e a reputare la firma di al-Tayeb di scarso valore.

Se lo sceicco al-Tayeb è abbigliato con i deludenti abiti della pecora, papa Francesco assomiglia a un pastore dagli occhi imbambolati che conduce il proprio gregge al massacro.

Traduzione di Niram Ferretti

https://www.gatestoneinstitute.org/13706/pope-francis-ahmed-al-tayeb-document

Torna Su