Islam e Islamismo

Chi combatte Al Sisi e perché

“In Medio Oriente nel corso degli ultimi dieci anni, due grandi correnti hanno tentato di dare una sorta di leadership politica alle lotte dei popoli della regione. In primo luogo, la crisi in Palestina rappresenta il lavoro incompiuto dai movimenti di liberazione nazionale degli anni 1950 e 1960. L’intifada rinnovata, e il ruolo chiave svolto da Fatah, il più grande blocco nazionalista dell’OLP, dimostrano la risonanza persistente di idee nazionaliste. In secondo luogo, il movimento islamista ha risposto alla crisi dell’imperialismo con una sorta di internazionalismo islamico, che contrappone gli attivisti islamici direttamente alle forze ‘crociate’ dell’imperialismo.

Di tutti i conflitti in Medio Oriente, nessuno simboleggia la lotta impari contro l’imperialismo meglio che l’intifada palestinese. L’immaginario della intifada – bambini contro carri armati, gli scontri nelle strade di Gaza e della Cisgiordania, i funerali e le manifestazioni di massa – è stato bruciato nei ricordi di una generazione in tutto il Medio Oriente. Per un gran numero di gente comune, l’impotenza dei regimi arabi di fronte l’aumento dei livelli di brutalità da parte delle forze israeliane di occupazione è solo uno specchio della propria umiliazione.

Capire come l’intifada si collega alla lotta più ampia in Medio Oriente è una parte vitale per cogliere il vero potenziale di resistenza all’imperialismo occidentale e la repressione in casa propria. La debolezza della borghesia palestinese, e la superiorità militare ed economica completamente schiacciante di Israele hanno fatto sì che il movimento di liberazione nazionale palestinese non sia ancora riuscito a creare uno stato a sé stante. In molti modi l’esperienza della lotta palestinese è una testimonianza della capacità di recupero dei movimenti di liberazione nazionale, in quanto è il coraggio e la creatività del popolo palestinese comune. Eppure il corso dell’intifada dell’ultimo anno dimostra anche l’impotenza finale della lotta nazionale.”

Chi pronuncia queste parole è Anna Alexander la referente accademica di Cambridge di Giulio Regeni. Troviamo nell’eloquio militante e fervoroso della docente inglese le parole d’ordine di conio sovietico che animano da cinquanta anni a questa parte il lessico terzomondista e anti-occidentalista dei propalestinesi accaniti in servizio permanente.

“Imperialismo”, “liberazione nazionale”, “occupazione” sono i feticci verbali preferiti, corredati in questo caso da “crociata”, termine questo mutuato dal lessico musulmano. La tesi è quella arcinota e propalata senza sosta dai megafoni rossi avvolti dalla bandiera con la mezzaluna. Israele è una potenza imperialista la quale opprime un popolo autoctono che resiste con la lotta.

Questa tesi è quella che unisce in una alleanza tenace, solida e fanatizzata, la sinistra occidentale (non solo l’estrema sinistra) e l’Islam. Sì, c’è anche l’estrema destra che in nome del suo storico anticapitalismo e antiamericanismo è necessariamente antisionista, ma questa è un’altra storia, residuale, e che non preoccupa più di tanto visto l’irrilevanza politica mondiale delle formazioni di estrema destra. Ma veniamo alla Alexander per poi giungere a Al Sisi e a Regeni. Perché una cosa fondamentale è necessario capirla. L’attacco concentrico contro Al Sisi e l’Egitto come luogo di una brutale dittatura è stato cucinato con cura dai sodali dei Fratelli Musulmani, di cui la Alexander, come altri a sinistra, è estimatrice. Bisogna raccontare un attimo questo mondo capovolto per capire cosa bolle in pentola e chi sta con chi, e qual è la posta in gioco, perché se non si capisce questo non si capisce niente.

Tutto comincia con l’appoggio dato dall’amministrazione Obama ai Fratelli Musulmani. La scommessa spericolata riguardo all’Egitto fatta da questa amministrazione ormai agli sgoccioli, è stata di puntare su una formazione estremista le cui origini sono radicate nell’integralismo islamico fin dagli anni Trenta. Alle spalle di questa scelta c’è lo sdoganamento dell’Islam come “religione della pace” fatto da Obama al Cairo nel 2009. Non che la qualifica sia di Obama. Va detto. La eredita da Bush Jr, solo che la carica di una valenza ideologica e protettiva sconosciuta al suo predecessore.

Per Obama e i suoi consiglieri ultra-progressisti, l’Egitto sarà meglio stabilizzato se al potere andrà una formazione ultrareligiosa. La stessa che nella storia dell’Egitto contemporaneo è stata sempre ostracizzata da Nasser in poi, e quando, infatti, Morsi viene eletto dopo il vuoto lasciato da Mubarak, alla Casa Bianca si innalzano i peana.

L’appeasement con gli estremisti è una delle cifre fondanti della politica estera di Obama. Nessuno più di lui misconosce la massima di Churchill, “Un conciliatore è colui che nutre un coccodrillo sperando di essere l’ultimo a farsi divorare”. I Fratelli Musulmani sono infatti la cerniera con Hamas, costola palestinese del movimento egiziano che aveva in Yasser Arafat una delle sue punte di diamante. Dalla loro fondazione nel 1928 non hanno mai nascosto il loro virulento antisemitismo. Fu il movimento egiziano a trovare una sponda ideologica con il nazismo e a diffondere nel mondo arabo il “Mein Kampf” e i “Protocolli dei Savi di Sion”.

La preferenza accordata da Obama ai nemici giurati di Israele, tra cui anche l’Iran, si fonda sulla convinzione che solo la negoziazione con gli estremisti potrà condurre al loro ravvedimento. Il coccodrillo cesserà di alimentarsi di carne umana, e modificherà la sua natura. In questo scenario che fa strame della realtà per mettere al suo posto il più disastroso wishful thinking si inserisce anche il dispositivo ideologico di una netta pregiudiziale anti-israeliana a cui è consequenziale un afflato per la causa palestinese.

La dottrina Obama rispecchia fedelmente le pregiudiziali più incistate nella sinistra statunitense che vede in Israele un paese colonialista e oppressivo e negli arabi un popolo vittima che cerca di opporsi con la lotta armata. Se Israele è più forte militarmente e più tecnologicamente avanzato è una colpa che deve espiare nei confronti degli arabi i quali, in fondo, si facevano solo esplodere sugli autobus e nei locali pubblici e oggi sono “ridotti” a usare i coltelli per aggredire i civili e i militari israeliani.

Al Sisi è agli antipodi di tutto ciò. Ha fatto strame dei Fratelli Musulmani, ha condannato a morte Morsi, ha interrotto i rapporti con Hamas, e cosa ancora più radicale, ha osato l’impensabile, ha affermato che il terrorismo di matrice islamica ha le sue radici nella religione, che il problema è interno e non esterno. In questo è l’anti-Obama, il suo contrario speculare.

In poco tempo, Al Sisi ha scardinato la narrativa obamiana e messo in mora quella liberal che vede nei Fratelli Musulmani una risorsa e nel terrorismo palestinese un movimento di liberazione nazionale. Da quel momento il presidente egiziano è diventato un nemico, un feroce e sanguinario dittatore, peggio di Assad. E’ lui il problema ora, dopo che l’Iran è stato sbiancato. E’ Al Sisi che viola i diritti umani. Al Sisi e, naturalmente, Israele. Contro di lui si è scagliata la stampa embedded obamiana, New York Times in testa.

In questo scenario capovolto, si inserisce la morte del ricercatore italiano Giulio Regeni trasformato in un simbolo della violenza del dittatore e una vittima della libertà e della verità, così Al Sisi è diventato il Pinochet egiziano. Raramente una vittima è stata strumentalizzata più cinicamente e selvaggiamente di Giulio Regeni.

Dietro l’esaltazione del povero Regeni come simbolo della lotta per la verità e la libertà c’è gente come Anne Alexander, ci sono i duri e puri antioccidentalisti e fiancheggiatori dei terroristi palestinesi, c’è un’idea di mondo che vede nell’Islam, la più grande potenza colonizzatrice e imperialista degli ultimi 1400 anni, quella che più persistentemente ha coltivato e coltiva le proprie pretese suprematiste e totalizzanti, una vittima da salvaguardare.

Al Sisi è un militare e un uomo abituato alla brutalità e alla violenza in una regione e soprattutto in un paese in cui esse impregnano l’aria che si respira, ma è essenziale per arginare la deriva estremista e musulmana che già si era manifestata dopo la caduta di Mubarak. Quella stessa deriva contro cui Israele, dopo la caduta di Mubarak, aveva messo in guardia. E’ un alleato essenziale per Israele e necessario all’occidente. Per questo è inviso ed è rappresentato come la principale canaglia da rimuovere.

2 Commenti

2 Comments

  1. Avatar

    Angelo barbaro

    17 Aprile 2016 a 15:36

    Un europa di “gente”, sfinita, ricoglionita, senza tradizioni con regole a proprio uso e consumo, giunta allo stremo accetta quello che stiamo vedendo, L’ INVASI0NE MUSULMANA (imposta da usa e c.).

  2. Avatar

    valerio serraglia

    18 Aprile 2016 a 7:29

    Lettera aperta al governo italiano PDF Stampa E-mail

    Caso Giulio Regeni

    Nel bailamme del caso Regeni è giunto il momento di fare qualche considerazione e qualcun altro dovrebbe cercare di dare delle risposte.

    Il governo italiano è oggettivamente un importante finanziatore dei vari gruppi terroristi, pagando pronta cassa i riscatti per il rilascio dei sequestrati; nel suk della compravendita degli ostaggi gli italiani hanno un valore individuale o di gruppo di 12 milioni di dollari, facili da riscuotere, perché il governo italiano paga, senza creare eccessivi problemi: ha già i canali e gli intermediari che servono all’occorrenza. Constatiamo che nei confronti degli ultimi quattro ostaggi, in Libia, si sonno avuti dei contrattempi: gli italiani non hanno pagato come da listino i 12 milioni, ne hanno pagati solo 6 milioni: i terroristi hanno liberato solo 2 dei quattro ostaggi. Tutto questo è solo una piccola parte del mercato.

    Già nella cosiddetta prima repubblica si facevano accordi coi terroristi, che l’Italia rispettava e i terroristi no, vedi le stragi della stazione di Bologna, di Fiumicino, il sequestro dell’Achille Lauro…..

    Chiedo al governo italiano se ha mai quantificato i crimini che sono stati commessi con i dollari versati a questi assassini: il sangue, le sofferenze, le distruzioni, i morti ricadono su chi ha permesso e autorizzato che questi soldi arrivassero nelle casse dei terroristi. Con quale moralità il governo italiano fa delle richieste ultimative sul caso Regeni?

    Il Presidente Al Sisi, il governo e il popolo egiziano sono sotto attacco da parte dei terroristi, in tutto il paese, e in particolare nella penisola del Sinai; conducendo una guerra di contenimento contro i terroristi dell’Isis, contro i Fratelli Musulmani in Egitto e in Libia, mentre il governo italiano appoggia il nuovo governo di Tripoli, che risponde alla Turchia, al Qatar e ai Fratelli Musulmani che intendono imporre la sharia in tutta la Libia.

    Questo è il preambolo per giungere al caso Regeni. E’ evidente a tutti che le modalità, l’uccisione e il ritrovamento del cadavere di Regeni si inquadrano nel tentativo di indebolire il Presidente Al Sisi, e sono a seguito di molti altri tentativi destabilizzanti, vedi la bomba sull’aereo di turisti russi, la bomba al consolato italiano al Cairo, i continui attacchi alle località turistiche e ai siti archeologici, per colpire l’economia egiziana.

    Per entrare nel merito del caso in questione:

    1) Regeni al Cairo non lavorava all’interno di strutture governative o paragovernative, quindi non possedeva dati sensibili che riguardavano strutture statali egiziane;

    2) Regeni svolgeva ricerche all’interno dell’opposizione (Fratelli Musulmani, sindacato e altri) quindi poteva possederne dati sensibili.

    Questi dati erano forniti all’Oxford Analytica: società di intelligence analysis guidata da John Negroponte, ex direttore della United States Intelligence Community e da sir Colin Mc Coll, ex capo del MI6,( presso cui Regeni ha frequentato corsi per 12 mesi) i quali elaborano i dati e li mettono sul mercato, chi ne vuole entrare in possesso e ha dollari a sufficienza basta li acquisti. E’ nell’interesse dei servizi egiziani che tali analisi continuino, tant’è chi i responsabili della O.A., in dicembre 2015, sollecitavano Regeni a completare rapidamente il lavoro e tornare alla base; perché?

    Non si capisce per quale ragione i servizi di sicurezza del Presidente Al Sisi dovrebbero aver assassinato Regeni, per farlo ritrovare a poca distanza da una caserma della polizia, invece di farlo sparire. E’ evidente che tutto ciò fa il gioco dei nemici della politica del Presidente: Fratelli Musulmani e chi li ha indirizzati (le tracce potrebbero portare ad Ankara e a Washington D.C.)

    Siamo certi, come afferma la famiglia Regeni, che Giulio non lavorava per nessun servizio segreto ufficiale (CIA, MI6, MOSSAD e altri…). Come siamo certi che Quattrocchi non era arruolato con nessun esercito, ma era al servizio di agenzie che forniscono “contractor“ a chi li richiede, senza alcuna preclusione.

    Nel mondo esistono agenzie che elaborano e vendono scenari geopolitici e conseguenti analisi; chi ne fa parte se ne assume gli oneri e i dollari. Con i terroristi non si tratta: devono essere posti di fronte all’alternativa: arrendersi o perire, accettandone tutte le conseguenze, vedi l’esempio dell’eroe russo Alexander Prokhorenko, che a Palmira, piuttosto di essere catturato dai terroristi si è fatto bombardare dalla sua stessa aviazione.

    Il Veneto Serenissimo Governo è a fianco del Presidente Al Sisi e del popolo egiziano nella lotta contro i terroristi e i loro reggicoda. Quando verrà, se mai lo sarà, scoperta la verità sugli assassini di Regeni il Presidente Al Sisi ne uscirà senza colpe e con onore.

Devi accedere per inserire un commento. Login

Rispondi

Torna Su