Antisemitismo, Antisionismo e Debunking

Io accuso | di Alessandro Matta

Io, Alessandro Matta, Amico da sempre del Popolo più Perseguitato e disprezzato della terra, il Popolo Ebraico di Israele, provo per la prima volta nella mia vita una profonda vergogna nel dichiararmi Europeo.
Una vergogna che mi pervade in tutto il corpo e mi provoca un forte senso di schifo , al solo pensiero che i miei governanti dell’Unione Europea, abbiano permesso al signor Abu Mazen di tenere davanti a una folta platea un discorso dai toni pesantemente Antisemiti e lontani da ogni volontà di Pace con il popolo di Israele. Un discorso intriso di vergognosa menzogna e di veleno, veleno vero, non quello di cui il signor Abu Mazen ha cianciato da fanfarone con storie ai limiti della follia come quella dell’Acqua della popolazione Palestinese “Avvelenata dai Rabbini Israeliani”.

Io, Alessandro Matta, Amico da sempre del Popolo più perseguitato e disprezzato della terra, il Popolo Ebraico di Israele , provo per la prima volta la sensazione che questa Unione Europea sia complice del terrorismo.
Tale sensazione è certa in me nel momento in cui so che nelle sedi dell’Unione si è applaudita in modo esaltato la giustificazione al terrorismo omicida Islamista nei confronti non solo di Israele, ma anche degli ebrei di tutto il mondo, celata dietro le parole secondo le quali sarebbe la Mancanza di uno stato Palestinese a provocare unicamente questo terrorismo e questa scia di sangue.

Personalmente, invito i signori dell’Unione a leggersi bene la dichiarazione di Zuhayr Muhsin del 1977, che recita: «Il popolo palestinese non esiste. La creazione di uno Stato palestinese è solamente un mezzo per continuare la nostra lotta per l’unità araba contro lo Stato d’Israele. In realtà oggi non c’è differenza tra giordani, palestinesi, siriani e libanesi. Oggi parliamo dell’esistenza di un popolo palestinese per ragioni politiche e strategiche poiché gli interessi nazionali arabi richiedono che venga assunta l’esistenza di un distinto “popolo palestinese” da opporre al sionismo. Per ragioni strategiche la Giordania, che è uno Stato sovrano con confini ben definiti, non può vantare diritti su Haifa e Jaffa mentre io, come palestinese, posso senz’altro vantare diritti su Haifa, Jaffa, Beersheva e Gerusalemme. Comunque nel momento in cui i nostri diritti saranno riconosciuti non attenderemo nemmeno un minuto per unire la Palestina alla Giordania.»

Io Accuso in definitiva questa Unione Europea di Essere complice nell’Assassinio di una ennesima vita innocente, quella di una bambina che Si chiamava Hallel Yaffa Ariel, aveva 13 anni, era ebrea. Un terrorista palestinese l’ha uccisa questa mattina, pugnalandola a morte nella sua stanza da letto a Kiryat Arba, nei pressi di Hebron. Io Accuso l’Unione Europea e molti dei suoi Abitanti di Ignavia e di viltà. Una viltà fatta di tanta ipocrisia, perché finchè una bambina è di Parigi o di Londra, improvvisamente diventiamo tutti Londra e Parigi, ma se il terrore colpisce gli ebrei e soprattutto gli ebrei di Israele, raramente leggiamo qualche “Je Suis Israel” in giro .

Nonostante tutto però , ho ancora fiducia in un possibile progetto di Unione Europea, ma non in questa Unione Europea. Se questa Unione Europea continua su questo passo, la disgregazione è vicina, ma non certo per una Brexit o per una Grexit, ma Per aver spianato le porte al terrore Islamista e all’Antisemitismo e a chi vuole una seconda Shoah, questa volta che distrugga lo stato di Israele per primo e poi tutti gli ebrei del mondo. Provate Vergogna anche voi, Membri e Capi dell’Ue, le vostre mani grondano di Sangue Ebraico, e non è la prima volta …

Alessandro Matta , Associazione Memoriale Sardo della Shoah .

2 Commenti

2 Comments

  1. Avatar

    Giuseppe Andrea Sechi

    1 Luglio 2016 a 15:52

    Questa Europa, corresponsabile e correa del terrorismo sanguinario palestinese

  2. Avatar

    Giuseppe Andrea Sechi

    1 Luglio 2016 a 15:59

    Questa Europa -corresponsabile e correa del terrorismo sanguinario palestinese contro gli Ebrei e Israele- non mi rappresenta. Invece uno che in questo articolo si esprime come ha fatto Alessandro Matta si rivela un degno rappresentante della fierezza e bontà della mia Terra di Sardegna. Che sia un esempio sempre più imitato. Un ringraziamento e un Saluto ad Alessandro. Fortza Paris! Am Yisrael Chai!

Devi accedere per inserire un commento. Login

Rispondi

Torna Su