Antisemitismo, Antisionismo e Debunking

Il 27 gennaio, Giornata della Memoria, ci sarà un concerto nazista a Pordenone

Leibstandarte era il nome della divisione Waffen Ss storicamente nota come guardia del corpo di Adolf Hitler e anche per l’atroce eccidio del Lago Maggiore, in seguito al quale a partire dalla notte tra il 13 e 14 settembre 1943 a Baveno e per tutto il mese successivo sono stati uccisi almeno 57 ebrei tra Baveno, Arona, Meina, Orta, Stresa, Mergozzo, Verbiania Intra, Pian Nava e Novara. A Meina (16) e Baveno (14, la prima notte) il maggior numero di vittime.
Leibstandarte è però anche il nome di un complesso musicale francese, di Lione. Come si intuisce dal nome, il gruppo ha simpatie neonaziste e le canzoni inneggiano al nazismo.
Il complesso nazirock è atteso in provincia di Pordenone, ad Azzano Decimo, per un concerto nel club Langbard. Ma a far rabbrividire è la data: 27 gennaio.
Chiaro a tutti che si tratti di una provocazione, anzi di una sfida: la band nazirock che porta il nome di una divisione SS che ha sterminato ebrei canterà e suonerà proprio durante il giorno in cui si ricorda la Shoah.
L’ultimo album della band francese si intitola “Ein Volk, ein Reich”, “Un popolo, un impero”. Tutti i brani sono apologie del nazionalsocialismo.


Ad Azzano Decimo, accanto al complesso nazirock francese, ci saranno la band italiana Via dolorosa e il gruppo finlandese Goatmoon, che in alcune canzoni inneggia alla Shoah. Si tratta di altri due gruppi esponenti del National Socialist Black Metal, movimento nazirock nato come heavy metal estremo negli anni ’90 nei Paesi scandinavi.
Si tratta di un genere musicale oggi diffuso soprattutto nell’Europa dell’est: Polonia, Ucraina e Russia.
In occasione dei concerti di queste band arrivano neonazisti da tutta Europa, trasformandoli in veri e propri raduni con comizi anche politici. Probabilmente, pure l’evento di Azzano Decimo in concomitanza con la Giornata della Memoria seguirà questo filone. Previste un centinaio di persone tra il pubblico.

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna Su