Islam e Islamismo

Il terrorista di Halamish: “Gli ebrei profanano al-Aqsa, figli di scimmie e maiali”

Meno di due ore prima dell’agguato terroristico che ha provocato la morte di tre cittadini israeliani (un padre e due figli) e il ferimento di una donna, il 19enne arabo palestinese Omar al Abed del villaggio di Khobar, in Cisgiordania, ha scritto quelle che presumeva sarebbero state le sue ultime parole su Facebook.
Dopo aver pubblicato queste frasi, e aspettandosi di morire, ha camminato dal suo villaggio fino al vicino insediamento ebraico di Halamish, facendo irruzione in una casa e pugnalando quattro persone: padre, madre e due figli.


Ecco il post:

“Scrivo il mio ultimo testamento e queste sono le mie ultime parole”, ha scritto al Abed.
“Sono giovane, nemmeno ventenne, ho avuto molti sogni e molte aspirazioni, ma che vita è questa in cui le nostre donne e i nostri giovani vengono assassinati senza alcuna giustificazione? Profanano la moschea Al-Aqsa e noi dormiamo. È imbarazzante restare seduti pigramente.
Voi, che avete una pistola e che siete sprecati, voi che tirate fuori la pistola solo a matrimoni e festeggiamenti, non vi vergognate di voi stessi? Perché non state dichiarando la guerra in nome di Allah? Qui chiudono la moschea di al-Aqsa e la vostra pistola è silenziosa.
Tutto quello che ho è un coltello affilato e sto rispondendo alla chiamata di Al-Aqsa: vergogna su di voi (ebrei n.d.r.), che predicate l’odio, Allah si vendicherà su di voi e si farà valere … tutti noi siamo i figli di Palestina e i figli di al-Aqsa. Voi, figli di scimmie e maiali, se non aprite le porte di al-Aqsa, sono sicuro che altri uomini mi seguiranno e vi colpiranno con il pugno di ferro, vi avverto. ”

Omar al Abed nel suo delirante post ha definito gli ebrei “figli di scimmie e maiali” e ha mostrato le solite preoccupazioni ingiustificate e propagandistiche sulla sorte della moschea al-Aqsa. Poi, alle parole sono seguiti i fatti: tre delle sue vittime sono morte, un sessantenne e i figli, un uomo e una donna quarantenni. La donna ferita, una sessantenne, è stata trasportata all’ospedale Shaare Tzedek di Gerusalemme. L’assassino, Omar al Abed, è stato neutralizzato da un vicino di casa delle vittime, un soldato che gli ha sparato allo stomaco, ed è ora in cura in un ospedale israeliano.
Una foto della strage è stata condivisa dalla televisione israeliana e mostra la cucina dell’abitazione completamente ricoperta di sangue. La famiglia si era riunita per il tradizionale pasto serale di venerdì (shabbat) quando è stato sorpresa dall’attacco.

1 Commento

1 Commento

  1. Avatar

    Sal

    22 Luglio 2017 a 18:20

    Una autentica bestia assassina vigliacca che giustifica le azioni dei suoi simili dando agli altri gli epiteti che spettano solo ed esclusivamente agli islamici. Spero che la giustizia israeliana lo rinchiuda a vita

Devi accedere per inserire un commento. Login

Rispondi

Torna Su