Antisemitismo, Antisionismo e Debunking

Portavoce comunità musulmana Cagliari: “Israele peggio dell’Isis”

Abbiamo più volte segnalato il fenomeno dei “musulmani moderati” disposti a condannare l’Isis (o l’uccisione di un prete all’interno di una chiesa cristiana) ma tutt’altro che malleabili nei toni e nei contenuti quando l’argomento della conversazione si sposta su Israele. In quel caso, le parole ricordano pericolosamente le molle di odio che fanno scattare fondamentalisti e terroristi.
Un esperimento utile per capire l’Islam politico e anche l’opinione di taluni musulmani osservanti, pure in Italia, non necessariamente oscurantisti e violenti. Un problema, senz’altro, di cui si deve tenere conto.

Questa volta parliamo di Sulaiman Hijazi, storico portavoce della comunità musulmana di Cagliari e ora attivista di un’associazione filo-palestinese. In un’intervista rilasciata al giornale L’Unione Sarda fa sfoggio di buoni sentimenti e “moderazione”. Definisce pacifica la comunità islamica, un’isola felice la Sardegna, rimarca la partecipazione dei musulmani al dolore dei cristiani per l’uccisione di padre Jacques Hamel. Poi, però, una domanda su Israele e tutto cambia. La giornalista Virginia Saba gli chiede “Teme più l’Isis o Israele?” e la risposta è agghiacciante:

Israele, perché da 70 anni occupa terre non sue e ci tiene segregati come animali. L’Isis è recente e credo che la soluzione politica per renderli inoffensivi si possa trovare nell’incontro tra mondo islamico moderato e mondo occidentale. Mentre è molto più difficile convincere Israele che in tutto questo tempo non ha raggiunto un compromesso accettabile.

La segregazione, l’apartheid, “Israele che occupa terre non sue”. Non manca nulla.
A parlare è un musulmano “moderato”, che auspica un incontro tra mondo islamico e mondo occidentale, volendo però isolare Israele. La colpa, ovviamente, è di Israele incapace di “raggiungere un compromesso accettabile”.
Così ha parlato un esponente della comunità musulmana che ha partecipato all’iniziativa della preghiera congiunta in onore di padre Hamel, sgozzato da “soldati dell’Isis”.
Un musulmano disposto quindi a condannare il terrorismo e a dialogare con l’occidente.
Una strategia che sembra più utile a demonizzare Israele che a cercare un dialogo.

13879401_1002726419844148_5872825341926332287_n

2 Commenti

2 Comments

  1. Pingback: In Italia c’è un islam che si presenta come moderato ma che odia Israele | Focus On Israel

  2. Avatar

    ted

    3 Agosto 2016 a 9:43

    … ed è la solita, trita e ritrita, noiosa fino alla nausea “storia del pastore” di millenaria memoria che puntualmente si riaffaccia sul palcoscenico della Storia quando con MALAFEDE, malvagità e spregiudicatezza si ripropone a tempi sempre meno ricorrenti la volontà di DEMONIZZARE ISRAELEEEEE… Usque tandem Catilina???… Ma siatene certi, occidentali del c…o! Fra poco avrete bisogno di Israele… Anzi, ce l’avete giààà… Spero solo che vi risponda con… calcinculoooo…

Devi accedere per inserire un commento. Login

Rispondi

Torna Su