Israele e Medio Oriente

“Ero un moccioso terzomondista, poi conobbi Israele” | di Guglielmo Maccioni

Riceviamo e pubblichiamo da Guglielmo Maccioni

Ero un moccioso terzomondista.
Correva l’anno 1988, ero un moccioso liceale con un bel paio di occhiali manichei sul naso. Ero semplicisticamente convinto che il mondo si dividesse in buoni e cattivi e che i primi fossero quasi sempre i più poveri. Quando iniziò la Prima Intifada fu facile scegliere da che parte stare, troppo calzanti nel ruolo di cattivi quei Merkava d’acciaio teneramente ronfanti sotto la pioggia di sassi lanciati dai poveri giovani palestinesi. Intifada vincerà! si gridava nei cortei. Poi ci annoiò pure quella guerriglia lontana la cui eco lentamente scemava e tornammo ad assopirci nel nostro cazzeggio di provincia. Durante gli anni universitari a Firenze il conflitto mediorientale mi interessò occasionalmente e tutt’al più lo giudicavo una bega fra due popoli esaltati dalla religione. La svolta fu la tesi, tema la piazza antistante il Muro del Pianto. Prima di progettare mi dovetti approcciare alla storia del sito e dunque del popolo ebraico. Tomo dopo tomo la passione per quei luoghi intrisi di Fede e Leggenda crebbe e si saldò con il mio vecchio interesse per la Storia. Mi ci volle tempo e studio, tanto studio ma, come per altre spinose faccende solo facili in apparenza, mi resi conto che il problema israelo-palestinese non era affatto l’ultimo sopruso coloniale che certa retorica terzomondista dipingeva e al quale tutt’oggi, per insipienza o ignoranza molta gente continua a credere. Addirittura mi resi conto che veniva e viene usato da estrema destra ed estrema sinistra per riproporre, dipinti a nuovo, i vecchi e secolari stereotipi antisemiti (assassini di bambini, avvelenatori di pozzi, ricchi, tirchi, usurai, massoni, razzisti al contrario eccetera eccetera in un lento sprofondare nella melma del pregiudizio). Venni a sapere della tassa che gli ebrei – popolazione predominante a Gerusalemme da sempre – dovevano pagare ai musulmani per pregare al Muro del Pianto, venni a sapere di come l’emigrazione ottocentesca di migliaia di perseguitati dall’est Europa, di estrazione socialista, produsse un positivo shock economico anche per le scarse popolazioni locali in Terrasanta, da secoli vessate da pascià medievali. Venni a sapere che Tel Aviv è stata fondata dagli ebrei cacciati da Giaffa ma il suo nuovo porto produsse ricchezza per tutti, arabi compresi. Venni a sapere della dichiarazione di Lord Balfour per ringraziare un certo Weitzmann per aver aiutato in maniera decisiva l’esercito inglese in Europa contro l’iprite tedesca durante la prima guerra mondiale. Venni a sapere dei primi pogrom arabi contro i villaggi ebrei, arabi che non sopportavano l’intraprendenza di quelli che da sempre consideravano dhimmi e sottomessi.




Conobbi le proposte di pace britanniche rigettate dal muftì Al-Husseini alleato di Hitler, conobbi infine il piano di spartizione ONU accettato dagli ebrei e rifiutato dagli Stati arabi vicini che attaccarono il neonato Israele per ucciderlo in culla nel ‘48. Sorprendentemente questo non perì grazie anche all’aiuto dell’antisemita Stalin che voleva uno stato ebraico dove spedire gli ebrei russi. Venni a sapere della Nakba araba e della contemporanea cacciata degli ebrei da decine di stati arabi, accolti poi in Israele. Venni a sapere delle altre due guerre di aggressione subite nel ’67 e nel ’73 ma vinte sul campo dall’IDF contro 6 nazioni circonvicine e non. Compresi che Israele è lo stato degli ebrei si, ma anche l’ebreo fra gli stati visto che solo a lui è richiesto di restituire terre conquistate dopo essere stato aggredito, un unicum in millenni di Storia mondiale. E conobbi il Totò Riina palestinese che palestinese manco è, Arafat l’egiziano, messo ad arte dalle cancellerie arabe e sovietica a capo di una nazione inventata, al solo scopo di erodere Israele con la guerriglia non riuscendovi in campo aperto. Conobbi Settembre Nero, il massacro di 12mila palestinesi nel ‘70 da parte dei giordani perché dei palestinesi agli arabi non fotte proprio, sono solo carne da cannone per distruggere gli ebrei. Conobbi la saggezza di Dayan nel consegnare la Spianata delle Moschee al Waqf giordano dopo la conquista di Gerusalemme Est e l’intraprendenza di una piccola nazione nel rimboccarsi le maniche e rendere prospero e all’avanguardia l’unico posto del medioriente privo di petrolio. Venni a sapere delle proposte di pace di Golda Meir – terza donna della storia a diventare capo di Stato – Rabin, Barak tutte respinte al mittente e dello sgombero unilaterale di Gaza da parte di Sharon, mossa che permise agli integralisti di Hamas di instaurare una specie di Sharia nella Striscia. Conobbi un popolo che, unico nella storia, perpetua di padre in figlio lo status di profugo e pretende un ritorno alla situazione ante ‘48, come non viene concesso agli esuli dalmati o a decine di altri popoli, loro sì, cacciati dalle loro terre. Vengo a sapere che Gaza (basta guardare su Maps) confina anche con l’Egitto, che sigilla il confine di Rafah perché ha paura dei terroristi di Hamas. E conosco oggi infine un’Europa ipocrita e antisemita poiché non riesco a spiegarmi perché si stracci le vesti ogni volta che Israele si difende da organizzazioni filantropiche come Hamas e Hezbollah ma non muova un dito, anzi va a letto con orchi come Erdogan, Rohani, Assad, Haniyeh, Yassin e altri, che massacrano nella più totale indifferenza occidentale i propri e gli altrui popoli…



Comprendo di aver abusato abbondantemente della vostra pazienza ma solo chi arriverà fino a queste righe capirà forse che è meglio mettersi a studiare, e tanto, anziché postare robaccia antisemita pensando così di aiutare i poveri palestinesi, vittime invece dei loro stessi capi aguzzini…

3 Commenti

3 Comments

  1. Pingback: “Ero un moccioso terzomondista, poi conobbi Israele” – hookii

  2. Matanah

    5 aprile 2018 a 18:58

    “Venni a sapere delle altre due guerre di aggressione subite nel ’67 e nel ’73 ma vinte sul campo da Tel Aviv contro 6 nazioni circonvicine e non”
    da TEL AVIV?

  3. Antonio Donno

    6 aprile 2018 a 21:44

    Ti abbraccio, Guglielmo, perché hai posto la tua intelligenza al servizio della verità. Esempio splendido di voglia di capire. Grazie da parte mia, che ho scoperto la verità molti anni fa, quando ho cominciato a studiare la storia del Medio Oriente e ho incontrato Israele. Fu una folgorazione, perché ben presto capii che la verità era all’opposto di ciò che si diceva, soprattutto a sinistra. Un caro saluto

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna Su