Mara Carfagna: “Se l’occidente abbandona Israele, abbandona se stesso”

Mara Carfagna, ministro per le Pari opportunità dal maggio 2008 al novembre 2011, è tra i politici italiani che più si sono spesi per difendere le ragioni di Israele. Sensibile ai temi etici e ai diritti civili, è stata scelta da Berlusconi in persona come responsabile del Dipartimento libertà civili e diritti umani di Forza Italia.
Abbiamo voluto parlare con lei di Israele, ma anche di Iran, pericolo antisemitismo in Europa, etichettatura dei prodotti provenienti dagli insediamenti.
Ringraziamo Mara Carfagna per aver accettato di essere intervistata in esclusiva da L’Informale, per ribadire le sue posizioni di forte sostegno ad Israele e agli ebrei.

Mara Carfagna, Lei è intervenuta più volte a favore delle ragioni di Israele, mettendoci la faccia. Pochi altri esponenti politici l’hanno fatto. E’ così difficile riconoscere le ragioni di Gerusalemme?
No, se si guarda alla realtà senza le lenti del pregiudizio antiebraico e antisionista. Credo nella storia, nelle tradizioni e nella cultura di Israele. Ma soprattutto credo nelle ragioni del popolo ebraico. Nel diritto di rivendicare una patria, di vivere in sicurezza, di non subire alcun tipo di discriminazione. Credo che non riconoscere le ragioni di Israele, come stato degli Ebrei, sia molto spesso una miopia legata più a pregiudizi che a motivazioni politiche.

Israele ha tanti nemici, ma anche alleati poco affidabili. Gli Usa si sono accordati con l’Iran sul nucleare, nonostante il parere contrario di Gerusalemme. E’ un segnale che l’occidente sta abbandonando lo stato ebraico?
L’Occidente non può abbandonare Israele, perché significherebbe abbandonare se stesso. Israele è l’avamposto dell’Occidente in uno scenario dove democrazia, libertà e diritti umani fanno ancora fatica ad affermarsi.   L’Iran è un Paese con una lunga tradizione  antisionista ed è anche un Paese in cui moltissimi diritti umani non vengono rispettati. I nostri valori fondamentali  non possono essere messi in secondo piano o messi da parte in virtù di interessi economici. Non possiamo accettare che lo faccia l’Italia né che i nostri alleati agiscano solo pensando al profitto.

Non sono solo gli Usa a causare le ire di Netanyahu. Anche la decisione di etichettare i prodotti provenienti dagli insediamenti, voluta dall’Ue, non è stata ben accolta da Israele. Lei cosa ne pensa?
Mi sono pubblicamente schierata contro questa decisione della Ue aderendo all’appello-petizione lanciato da Il Foglio a metà novembre, proprio in concomitanza con la decisione della Commissione Europea. Le contese territoriali nel mondo sono tantissime e non comprendo il motivo che ha spinto l’Unione ad agire contro Israele. L’ho vista come una discriminazione ed io sono notoriamente contro ogni forma di discriminazione.

In una recente intervista Massimo D’Alema ha definito Israele “un problema”, scatenando la reazione dell’ambasciatore Naor Gilon…
D’Alema ha una grande esperienza in politica estera, per questo dovrebbe essere più accorto prima di parlare. Capendo che, soprattutto in politica estera, le parole hanno un gran peso.   Quella israeliana è una democrazia, una rarità in Medio Oriente, un faro di diritti e di libertà e invece di apostrofare Israele come un alleato problematico bisognerebbe piuttosto riconoscere i grandi sforzi che ha compiuto per far progredire il processo di pace e il fatto che costituisca un baluardo contro la diffusione del terrorismo islamico.

Israele, oltre ad essere l’unica democrazia del Medio Oriente, è un Paese particolarmente attento ai temi etici e ai diritti civili. Temi su cui la destra italiana fa spesso finta di nulla, così come spesso si dimentica di Israele. E’ d’accordo? E c’è posto per una destra diversa, in Italia?
Non esageriamo. Quello che il centrodestra sia distante dai temi etici e dai diritti civili è un altro odioso pregiudizio. Dopo decenni in cui l’Italia aveva perseguito una politica di equidistanza tra Israele e Palestina, Silvio Berlusconi si è pubblicamente schierato a favore di Israele, cambiando radicalmente la percezione dello Stato ebraico nel nostro Paese. E’ stato il primo premier italiano a parlare al parlamento israeliano ed in quell’occasione, utilizzando la bellissima definizione coniata da Papa Giovanni Paolo II nella sua visita in Sinagoga il 13 aprile 1986, si riferì agli israeliani come ‘fratelli maggiori’ e Netanyahu lo definì un ‘apostolo della pace’.  E’ stato un nostro Governo ad istituire l’Unar, l’Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni Razziali, che tra le sue ragioni sociali ha anche il contrasto dell’antisemitismo.

A novembre, a Milano, è stato accoltellato Nathan Graff nei pressi di un locale kosher. Un’aggressione di stampo antisemita, la più grave dopo l’attentato alla sinagoga del 1982 costato la vita al piccolo Stefano Gaj Taché. Ritiene che l’Italia possa diventare un Paese a rischio per gli ebrei?
L’Italia continua ad essere un Paese accogliente per i cittadini di religione ebraica. Le nostre forze di polizia e la nostra intelligence svolgono un lavoro prezioso per prevenire e contrastare ogni forma di intolleranza, xenofobia e antisemitismo. Si impegnano e si battono ogni giorno per farci vivere e sentire al sicuro. Il lavoro preziosissimo che compiono quotidianamente, e per cui dobbiamo costantemente ringraziarli, ha portato l’Italia ad essere un esempio da seguire in tutto il mondo.

In Svezia l’antisemitismo è ormai tollerato, complice anche la massiccia immigrazione musulmana. Dalla Francia gli ebrei stanno scappando. Come è possibile che l’Europa stia ricadendo negli stessi errori del passato?
Mi riempie di rabbia sapere che ci sono cittadini europei di religione ebraica che non si sentono al sicuro indossando la kippah, o che in molti stiano compiendo l’aliyah. Che ci sono bambini ebrei che hanno paura di andare a scuola o imprese ebraiche sotto attacco. Gli attentati sono stati diversi in questi ultimi anni, da Parigi a Bruxelles, da Tolosa a Copenaghen. Abbiamo il dovere di lottare contro tutto questo e contro un terrorismo che pretende di uccidere nel nome di Dio. Non può esserci alcun tipo di tolleranza. Ogni Stato deve applicare il principio della tolleranza zero e combattere l’ignoranza e l’indifferenza prima che si trasformino in odio ed in antisemitismo.

Ruth Dureghello, presidentessa della comunità ebraica di Roma, durante la visita del Papa alla sinagoga di Roma ha pronunciato parole che hanno lasciato il segno: “Ebrei e cattolici debbono sforzarsi di trovare assieme soluzioni condivise per combattere i mali del nostro tempo”. Ritiene possibile questo auspicio?
Me lo auguro. Papa Francesco è un pontefice progressista ed illuminato e ha ragione quando dice che ebrei e cristiani devono sentirsi fratelli e che insieme dobbiamo trovare la giusta strada per risolvere i problemi che attanagliano il nostro mondo ed il nostro tempo.

Riccardo Ghezzi

Giornalista pubblicista, a un certo punto della sua vita si è accorto di essere più interessato alle vicende di Israele che a quelle italiane. Ha raccolto intorno a sé un gruppo di amici reali e virtuali, competenti e informati su Israele, storia e cultura ebraica, Medio Oriente. E si è convinto che con loro si poteva avviare un nuovo progetto editoriale, così è nato L'Informale.

Sostienici