Antisemitismo, Antisionismo e Debunking

“No al parco intitolato ad Arafat”. La comunità ebraica di Roma contro la giunta comunale

Un parco dedicato a Yasser Arafat e una piazza dedicata ad Elio Toaff. Il terrorista e il rabbino capo emerito di Roma. Queste le idee emerse in un documento presentato dalla giunta di Roma, che presto potrebbe trasformarsi in una delibera di aggiornamento della toponomastica. La reazione della comunità ebraica romana non si è fatta attendere.
“Dedicare un parco a Yasser Arafat è offensivo e antistorico”. Ha reagito così la presidente della comunità ebraica di Roma Ruth Dureghello in una lettera alla sindaca di Roma Virginia Raggi in cui chiede, qualora il Campidoglio non dovesse recedere da questa iniziativa, di “non procedere all’intitolazione di una piazza al Rabbino Capo Emerito Elio Toaff: Vedere associato, nello stesso documento, il suo nome a Arafat è un’offesa alla sua memoria che non vogliamo tollerare”.

“Arafat, lo ricordiamo per chi evidentemente non conosce la storia, è il mandante morale dell’attentato antisemita alla Sinagoga del 9 ottobre 1982 in cui morì Stefano Gay Tachè. Un bambino ebreo, romano e italiano. Per questo la scelta di dedicare a Arafat un parco è inaccettabile, perché ricorda con merito colui che dovrebbe essere ricordato con disonore  la città di Roma deve scegliere: ricordare i terroristi o le sue vittime”.

Dureghello ha aggiunto:  “la città di Roma deve scegliere: ricordare i terroristi o le sue vittime. Entrambe le cose non sono possibili. Rav Toaff, oltre a aderire alla Resistenza e ad essere il primo rabbino ad accogliere in una Sinagoga un Papa, fu colui che denunciò l’accoglienza dei politici italiani, esclusi Spadolini e Pannella, al leader dell’Olp durante la sua visita in Italia. Visita che fu il preludio dell’attentato. Oggi questo conferimento appare come una riabilitazione postuma e non meritata – conclude Dureghello – Siamo certi che Rav Toaff non avrebbe voluto ricevere questa onorificenza vedendo associato il suo nome a quello di un terrorista. Non lo vogliamo neanche noi”.

1 Commento

1 Commento

  1. Carlo Galioto

    8 agosto 2017 a 14:10

    E’ vergognoso solo pensare di dedicare un parco a un ex terrorista che non si è mai pentito e che si vestiva da benefattore facendo morire di stenti il suo popolo e mantenendo l’amante in Europa nel lusso.

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna Su