Ricercatrice sarda selezionata come docente allo Yad Vashem: la madre era sopravvissuta alla Shoah

Felicina Pontis, insegnante di Quartu Sant’Elena in provincia di Cagliari, è stata a Gerusalemme a parlare di Shoah. Non si tratta solo di un successo professionale e di un premio per il suo lavoro e le sue ricerche, ma di qualcosa di più. Felicina Pontis è infatti figlia di Maria Bonaria Pisu, sopravvissuta alla Shoah. La madre era stata deportata al campo di concentramento di Rodi, rimanendoci per un anno.
Anche per questo, la figlia ha effettuato numerose ricerche storiche sulla Shoah, concentrandosi in particolare sulle relazioni tra le comunità sarda ed ebrea a Rodi. Selezionata come rappresentante della Sardegna dal Dipartimento per il sistema educativo di istruzione e formazione del Miur (il Ministero di Istruzione, Università e Ricerca), Pontis ha potuto far parte del gruppo di lavoro italiano presso l’Istituto di studi superiori Yad Vashem a Gerusalemme, rappresentando l’Ufficio scolastico regionale sardo al seminario di formazione sull’insegnamento della Shoah.
L’anno scorso, in qualità di ricercatrice, era già stata selezionata dall’Università Roma 3 e dall’Istituto Ben Zvil di Tel Aviv, potendo partecipare come relatrice ad un convegno dal titolo “La relazione tra i sardi e gli ebrei a Rodi durante il fascismo” presso la sede dell’Università Roma 3. E’ un argomento su cui Felicina Pontis ha già discusso due tesi, l’ultima all’università La Sapienza dove sta proseguendo con gli studi e le ricerche in collaborazione con le comunità ebraiche di Rodi e Bruxelles, lo Yad Vashem di Gerusalemme e alcuni istituti storici.

Riccardo Ghezzi

Giornalista pubblicista, a un certo punto della sua vita si è accorto di essere più interessato alle vicende di Israele che a quelle italiane. Ha raccolto intorno a sé un gruppo di amici reali e virtuali, competenti e informati su Israele, storia e cultura ebraica, Medio Oriente. E si è convinto che con loro si poteva avviare un nuovo progetto editoriale: così è nato L'Informale, di cui è direttore responsabile.

4 pensieri riguardo “Ricercatrice sarda selezionata come docente allo Yad Vashem: la madre era sopravvissuta alla Shoah

  • 5 ottobre 2017 in 22:24
    Permalink

    Onore a questa “Figlia della Shoah”

    Risposta
  • 6 ottobre 2017 in 0:26
    Permalink

    Congratulazioni e auguri di tanti successi

    Risposta
  • 7 ottobre 2017 in 16:07
    Permalink

    da sardo mi inchino all’amica pontis …. auguri e buon lavoro !

    Risposta
  • 9 ottobre 2017 in 17:04
    Permalink

    È meravigliosa la vita!! Come questo triste passato ti stia dando ora tanti onori 🙏❤🙏Congratulazioni amica mia .. anche la tua Mamma da lassù è fiera di te …

    Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sostienici