Israele e Medio Oriente

Vittoria di Bennett: la Knesset approva la sanatoria sugli insediamenti

La notizia è di grande rilievo e avrà importanti implicazioni a livello nazionale e internazionale. Con 60 voti a favore e 52 voti contrari è passata ieri sera alla Knesset la controversa legge presentata da Casa Ebraica che legalizza tutti gli outposts (avamposti) in Cisgiordania.

Originariamente, la legge era stata predisposta per impedire lo smantellamento dell’insediamento di Amona.

E’ la prima volta che una legge del governo dà il proprio esplicito appoggio agli insediamenti in Cisgiordania.

La legge stabilisce che per qualsiasi struttura che sia stata costruita in buona fede su terra considerata di proprietà palestinese il governo ha il diritto di confisca della terra dando in cambio ai proprietari una compensazione leggermente superiore rispetto al suo valore di mercato.

La legge congela ogni procedimento di demolizione nei confronti degli avamposti.

Di fatto si tratta di una sanatoria su 4000 abitazioni ritenute costruite in modo illegale.

Il premier Benjamin Netanyahu aveva fatto richiesta di postporre il passaggio della legge a dopo il suo incontro alla Casa Bianca, programmato per il 15 febbraio, con il presidente Donald Trump. Non avendo ottenuto la procrastinazione della legge, Netanyahu le ha dato il proprio sostegno informando preventivamente la Casa Bianca.

1 Commento

1 Commento

  1. Avatar

    Ardeo Lacchini

    7 Febbraio 2017 a 12:54

    Letto con soddisfazione la notizia dell’approvazione alla Knesset, della legge sui nuovi insediamenti in Cisgiordania, che preferisco chiamare Israele

Devi accedere per inserire un commento. Login

Rispondi

Torna Su