Mossad e IDF

Volontariato Sar-el: un’esperienza indimenticabile per chi vuole scoprire Israele

Tra le tante esperienze che si possono fare in Israele, il volontariato Sar-el è una delle più interessanti. Permette di coniugare un viaggio alla scoperta di Israele con il fascino di sentirsi parte del glorioso Tsahal, indossando anche la divisa, senza ovviamente rischiare la vita. In più, l’organizzazione Sar-el prevede corsi di ebraico ed altre attività interessanti.
I costi sono irrisori: bisognerà mettere da parte solo i soldi per i viaggi di andata e ritorno e per il pernottamento nel week end se trascorso fuori dalle basi. Nel caso, Sar – El ha delle agevolazioni con gli alberghi. Il resto, vitto e alloggio durante la settimana lavorativa, è a carico dell’organizzazione. In cambio, ovviamente, bisognerà darsi da fare nelle basi militari.

Ma che cosa è Sar-el? Per chi conosce le lingue straniere, una descrizione dettagliata si trova sul portale francese del progetto, oppure in quello ufficiale. Si tratta di un’organizzazione che offre la possibilità di svolgere attività di volontariato a giovani di ogni parte del mondo che desiderano scoprire Israele e conoscere il suo popolo.
Il sito aliyah riporta alcuni recapiti utili cui rivolgersi. Il contatto della rappresentanza italiana Sar-el cui rivolgersi è questo:

Sar-El Italy

Lungotevere Cenci
Tel: 06/68400672

E-mail:  sar_el@libero.it
https://www.facebook.com/groups/187362471326155/

I programmi principali sono invece due : MAOF e NATI

MAOF

Riservato ai giovani dai 19 ai 38 anni. Il MAOF classico si può fare fino a 28 anni, tra i 29 ed i 38 anni c’è invece il MAOF+.
A parte le piccole differenze tra le due fasce di età, entrambi i programmi MAOF durano 15 giorni e sono divisi in 8 giorni di volontariato in una base Tsahal e 7 giorni di visita del paese.

NATI

Il NATI è per i più “duri” e sostituisce il volontariato vero e proprio con un programma di “addestramento” di Tsahal.

In alternativa si possono scegliere programmi che prevedono il volontariato presso gli ospedali o altre strutture.
Chi sceglie Sar-el non partecipa alle operazioni militari ma avrà compiti di tipo logistico, dovrà occuparsi della manutenzione delle attrezzature o della manodopera, lavorando perlopiù nei magazzini Idf.
L’idea di Sar-el è nata nel 1982, ai tempi della guerra in Libano: il generale di brigata Aharon Davidi (scomparso nel 2012) si accorse che i volontari avrebbero potuto permettere alle forze riserviste di essere congedate dai compiti di tipo logistico.

Si può partire in qualsiasi momento dell’anno, tranne durante le festività ebraiche.
MAOF a parte, la durata del viaggio è normalmente di 3 settimane che possono essere ridotte a due togliendo la terza settimana e rispettando solo la data di partenza.
I documenti che occorrono sono i seguenti: 2 foto formato tessera, certificato di sana e robusta costituzione, copia del passaporto, assicurazione sanitaria per il periodo in cui si  è all’estero, un curriculum vitae.
Alcuni dei volontari Sar-el hanno poi fatto “Aaliyah”, diventando cittadini israeliani.
Per tutti, l’esperienza è stata indimenticabile.

1 Commento

1 Commento

  1. Pingback: Giovanni, volontario Sar-el: “Israele non è affatto solo, noi lo dimostriamo” – L'Informale

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna Su