Giuditta Pini, l’ennesimo delirio: “Milioni di palestinesi vivono in campi di concentramento”

Giuditta Pini, la parlamentare modenese del Pd che sosteneva di essere venuta in possesso di una gigantesca pallottola di gomma estratta dal cranio di un bambino palestinese, è tornata alla carica contro Israele. La giovane classe ’84 ha approfittato del Congresso dei Giovani Democratici per lanciare dal palco accuse precise nei confronti di Gerusalemme, mostrando di conoscere il Medio Oriente come nessun altro e di essere un’autorevole esperta di storia e politica estera.
“In Palestina vivono milioni di persone dentro dei campi di concentramento e nessuno ne parla più” ha esclamato la deputata del Pd nel bel mezzo del suo discorso, paragonando quindi gli ebrei deportati ad Auschwitz e Birkenau ai profughi palestinesi in Siria, Libano, Giordania, Striscia di Gaza e Cisgiordania, come è abitudine della propaganda antisionista.
Il riferimento ai campi di concentramento non è raro tra gli attivisti filopalestinesi, da Samantha Comizzoli a Rosa Schiano che spesso si spingono oltre e paragonano paradossalmente gli ebrei di oggi ai nazisti di ieri, ma mai un parlamentare della repubblica si era espresso in questo modo.
Dopo le pallottole di gomma e i riferimenti a periodi storici particolarmente tristi, nei quali però erano gli ebrei a essere vittime, probabilmente sentiremo Giuditta Pini accostare Israele al regime sudafricano dell’apartheid. Manca solo questo alla collezione antisionista della storica e politologa modenese che siede negli scranni della Camera dei Deputati.
Il memorabile intervento di Giuditta Pini è stato integralmente pubblicato sul sito de L’Unità. La frase sulla Palestina e sui campi di concentramento può essere ascoltata al minuto 6:42.

In questa foto il principale campo profughi palestinesi, al-Husayn ad Amman in Giordania, che ospita 30.000 profughi:

800px-مخيم-الحسين

In quest’altra foto, il campo di concentramento di Auschwitz:

aushwitz_3559929b

In questa foto profughi palestinesi del campo di Yarmouk, a 8 km da Damasco, in Siria:

as

In quest’altra foto, internati ebrei nei campi di concentramento nazisti. Ne abbiamo scelta una tra le meno drammatiche:

A-5

Riccardo Ghezzi

Giornalista pubblicista, a un certo punto della sua vita si è accorto di essere più interessato alle vicende di Israele che a quelle italiane. Ha raccolto intorno a sé un gruppo di amici reali e virtuali, competenti e informati su Israele, storia e cultura ebraica, Medio Oriente. E si è convinto che con loro si poteva avviare un nuovo progetto editoriale, così è nato L'Informale.

Un pensiero riguardo “Giuditta Pini, l’ennesimo delirio: “Milioni di palestinesi vivono in campi di concentramento”

  • 23 marzo 2016 in 21:11
    Permalink

    E’ una mia rabbia ma devo: Israele e Palestina, Lo volete capire che non esistete! Tu Israele nasci perché il mondo occidentale si sentiva in colpa per aver finanziato loro HITLER, per la paura del COMUNISMO, ed hanno sulla coscienza più di 30 milioni di morti di cui 6milioni di EBREI, e tu Palestina esisti perché al mondo asiatico musulmano e arabo non gli è sembrato vero attaccare qualcuno, e anche perché mettevate in discussione la loro stabilità perché non avevano dove mandarvi o (METTERVI) visto la loro inettidudine a mandare avanti i loro paesi che erano e sono ancora solo delle comunità di tribù tribali, senza nessuna regola per il BENE COMUNE e il LIBERO ARBITRIO, fomentando l’odio in giro per il mondo e all’interno delle famiglie,nei confronti del mondo occidentale, come se tutte le loro PIAGHE e le loro INCAPACITA’ fossero delle colpe dell’occidente. Si è vero che le maggiori NEFANDEZZE risalgono ad almeno 2000 anni fa e seguono per i millenni a venire, ma è anche vero che il loro essere levantini (stare un po da una parte e un po dall’altra) fa si che ogni tanto emerga qualcosa che giustifica nefandezze da una parte o dall’altra. Il guaio di tutto questo e che chi paga le pene di tutto questo sono gli inermi, i deboli, quelli facilmente manipolabili. Il tutto questo, avviene ricorrente ora con, i CROCIATI, i Savoia con il sud dell’Italia, gli Stati Uniti con i nativi e i messicani, i Comunisti con gli ZAR, MAO e la CINA, il Vietnam, la Turchia con gli armeni ecc…ecc…, (e menomale i GENOCIDI sennò la popolazione mondiale oggi sarebbe il doppio!), nel frattempo nei 2000 anni a venire in varie parti del mondo è stato fatto il lavaggio del cervello ad intere popolazioni, facendo cadere le colpe sui vinti PERCHE’…! Tanto un paese non ci mette molto per far diventare una bugia verità !!!

    Risposta

Rispondi

Sostienici