Schiaffo del Congresso a Obama

La camera bassa del Congresso degli Stati Uniti ha approvato ieri con un voto schiacciante di maggioranza, 342 voti contro 80, una mozione contro la Risoluzione 2334. Si tratta di una chiara e sonora sconfessione della politica di Obama.

Nella mozione della Camera dei Rappresentanti viene sottolineato come la Risoluzione 2334 “Conferisca legittimità agli sforzi dell’Autorità Palestinese di imporre le proprie soluzioni attraverso organizzazioni internazionali e tramite campagne di boicottaggi nei confronti di Israele”.

La mozione fa il paio con una risoluzione del Senato la quale spinge affinchè la Risoluzione 2334 approvata dal Consiglio di Sicurezza dell’ONU venga rigettata.

Sono i primi segni, alla vigilia dell’insediamento di Donald Trump alla Casa Bianca, di un nuovo passo di marcia.

Si tratta ora di vedere in che modo il neo eletto presidente degli Stati Uniti darà corpo effettivamente alla sua politica di sostegno allo Stato ebraico.

Niram Ferretti

Niram Ferretti

Nato a Milano, si è trasferito a Roma dove ha vissuto per lunghi anni laureandosi in filosofia teorica presso l’Università Gregoriana. Ricercatore indipendente relativamente al conflitto arabo-israeliano di cui si occupa da anni, collabora con l’Informale fin dall’inizio. Alcune sue interviste sono apparse su Frontpage Magazine e JihadWatch. Attualmente lavora a un saggio sulla demonizzazione di Israele.

4 pensieri riguardo “Schiaffo del Congresso a Obama

  • 6 gennaio 2017 in 15:20
    Permalink

    obama ha comportamenti filo- musulmani, bisogna tornare quanto prima ad una guida meno sinistroide

    Risposta
  • 7 gennaio 2017 in 1:39
    Permalink

    Fonte? Non trovo riscontro di questa notizia!

    Risposta
    • 7 gennaio 2017 in 15:29
      Permalink

      vai su televideo …. quasi telekabul e la trovi…. si piegheranno anche questi luridi comunisti…

      Risposta
      • 7 gennaio 2017 in 23:40
        Permalink

        Sta’ a vedere che anche Obama è comunista…

        Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sostienici